Soncino, ultima parte…

Con i portici che avete visto con la copertina di oggi chiudiamo la visita a Soncino. Come avete potuto notare c’è anche un lungo camminamento al coperto, in caso di pioggia in questo borgo si può passeggiare all’asciutto, almeno nella via centrale. Per certi versi, anche se molto più in piccolo, ricordano un po’ i lunghi portici di Bologna. Ed ora per chiudere questa visita ripercorro il perimetro del Forte cercando nuove prospettive, nel mentre vi racconterò ancora qualcosa di questo borgo….

Guardate la singolare prospettiva dal fossato del Castello, ho incluso la casa sullo sfondo all’interno dell’arco. Ed ora qualche curiosità su Soncino. Pensate che dal XIII secolo questo borgo disponeva di un grandioso sistema idrico fognario, ogni casa del centro storico era fornita di acqua corrente e di scarichi fognari interamente sotterranei, erano già molto avanti per l’epoca, era un borgo che vedeva già il futuro, anticipandone la storia….

A Soncino è nata una delle prime stamperie a caratteri mobili d’Italia, qua una famiglia ebraica pubblicherà la prima copia della Bibbia nel 1488. Nel borgo c’è il Museo della Stampa che raccoglie le testimonianze storiche di questa famiglia….

Ed ora vi faccio vedere un’altra bella prospettiva della cinta muraria che racchiude l’intero borgo di Soncino, come potete notare anche in questo caso la bellezza della struttura rende magica anche la visione esterna di questo borgo….

E per chiudere questa narrazione ecco l’immagine simbolo di uno dei posti più fotografati, le luci del pomeriggio rendevano ancora più spettacolare questo riflesso già visto nelle luci più tenui del mattino. Vi ringrazio come sempre della vostra attenzione, sono molto contento che questo borgo sia stato di vostro gradimento…😉😊👍

Da domani inizia una nuova narrazione, vi riporterò in Liguria per ammirare un nuovo tramonto, spero sarete entusiasti anche del prossimo viaggio, in cui unirò anche molta poesia…😉👍👍

Pubblicità

16 pensieri riguardo “Soncino, ultima parte…

  1. Eh, sì: quei portici vengono davvero molto utili quando piove, 😉. Magari si è usciti di casa che il sole splendeva in cielo e bam!, all’improvviso vien giù il diluvio. Senza ombrello, senza altri ripari, quei portici cadono proprio come “il cacio sui maccheroni”, 😉. Ripercorrere da altre angolazioni tratti di strada già percorsi permette di scoprire nuove scorci, nuovi dettagli, nuovi particolari che magari, al primo passaggio, non s’erano notati. Che peccato che anche questo viaggio sia finito ma sono super curiosa di vedere il nuovo tramonto ligure, ☺️. Buona serata e un caro abbraccio, ☺️🤗🌷😘😉.

    1. sono molte le città che hanno portici, anche qua in Liguria ce ne sono diverse, e come dici tu spesso fanno la differenza, tanto che quando piove noi andiamo giusto in quelle per poter camminare un po’ senza ombrello. Mi fa piacere che hai apprezzato il tutto, ora si parte per una nuova narrazione di viaggio, sono sicuro che ti piacerà…🤗😉😊👍

      1. È stato davvero un viaggio stupendo ed ora vado subito subito a leggere la prima tappa del nuovo viaggio, 😉. Un caro abbraccio e buona serata, 🤗🌷☺️😉.

  2. Peccato, non riesco a vedere queste ultime foto, tranne il porticato. Comunque, già le altre hanno illustrato alla grande questo borgo fantastico.
    Grazie.

    1. magari è solo un problema di caricamento, può essere che hai la linea lenta e le foto impiegano più tempo per caricarsi dal server, prova in altri momenti. Mi fa piacere che hai apprezzato il tutto, grazie del commento…👍👍😉

  3. beh questa della padana e della lombardia è tutta zona di portici, raro non trovare un paese con i portici..questi hanno la caratteristica di essere bassi, che io preferisco, e molto lunghi ..questi borghi rispetto alle viuzze strette della Liguria e della toscana, si distendono in larghezza edanno respiro al paesaggio. Molto bella anche la foto del fossato che gira intorno al castello e notevoli sono gli archi da dove dici, passava il sistema di fognature…Grazie Max e buona giornata!

    1. il sistema fognario non passava esattamente di lì, era interrato, sotterraneo, probabilmente seguiva il fossato attorno al borgo, ma non proprio in quel punto, ne ho parlato a livello storico per illustrare il borgo in generale. Riguardo ai portici in effetti tutti i borghi che ho visto della pianura ne hanno parecchi, ad ogni modo anche qua in Liguria ci sono borghi anche storici che ne hanno di estesi, vedi ad esempio Zuccarello, di cui avevo parlato molto tempo fa.
      Grazie mille come sempre delle tue letture, un caro abbraccio, buona serata…🤗😊😉

  4. E’ stato davvero entusiasmante seguirti in questo percorso. Immagini sempre d’eccellenza accompagnate da un interessante narrazione ricca d’informazioni. 😊👏👏👏👏👏🤗🎇Buona serata Max!

  5. Grazie per la passione e l’entusiasmo con cui hai raccontato e fotografato Soncino. Come ti ho scritto la mia famiglia ha origini proprio lì e le tue foto e ai tuoi commenti hanno sollecitato in me ricordi antichi e personali. Grazieeeee!!! Luciano 🏳️‍🌈💚🌍💙

    1. mi fa davvero piacere aver suscitato in te ricordi profondi ed emozionanti allo stesso tempo, per me è sempre un immenso piacere narrare viaggi fotografici, e magari far conoscere qualche località a chi non c’è mai stato 👍😉😊
      Ti aspetto ancora sul mio blog 👍👍

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: