La Certosa di Calci, 5° parte…

Ogni stanza era adibita alla riflessione e alla preghiera, c’erano piccola altari ovunque dove i vari monaci s’inchinavano per pregare. Immaginate la vita di queste persone, fuori dal mondo in tutti i sensi, rinchiusi in questa immensa Certosa, ma isolati da tutto ciò che era la vita di ogni giorno….

I soffitti spettacolari sono un proseguo alla bellezza dell’arte che troviamo sulle pareti e un po’ ovunque. Di certo la contemplazione artistica non mancava, anche se immaginare una vita passata qua non è proprio cosa da tutti. Oggi ci sentiamo privati degli incontri per via della pandemia, pensate che questi monaci passavano una vita intera in solitudine….

Questa stanza rettangolare è molto particolare, qua infatti si riunivano solo una volta alla settimana per parlare fra loro di ogni cosa, ma questi incontri erano molto brevi, circa un’ora, poi ognuno tornava nelle sue stanze, nei loro mini appartamenti, e si ritraeva nuovamente nella solitudine completa….

In fondo a questa stanza adibita agli incontri di cui vi ho parlato c’è un’altra opera d’arte, posta sopra ad un piccolo altarino. Da notare anche il tratto del pavimento che riprende quello dei saloni, conservando lo stesso schema prospettico….

Questa Certosa al suo interno ha anche un chiostro davvero bello, all’interno del quale c’è un vasto giardino, di cui vi racconterò alcune curiosità in merito. Le porte che vedete lungo il perimetro sono le entrate dei vari appartamenti di cui vi ho parlato prima, e che vedremo meglio più avanti….

La bellezza di questo giardino con la fontana ricca di sculture al centro, è già di per se uno spettacolo. Da notare anche la pavimentazione che ricorda molto il periodo storico nel quale è stata creata, qua sembra davvero di essere tornati nel medioevo….

Domani proseguiremo a vedere questo vasto chiostro, e le sorprese non mancheranno, come sempre vi aspetto qua sul mio blog. Buona domenica a tutti…😉😊👍

Pubblicità

14 pensieri riguardo “La Certosa di Calci, 5° parte…

  1. delle certose e dei conventi il luogo per me più bello è il chiostro…che davvero è un luogo d’incontro e silenzio per eccellenza! Quella fontana in mezzo al viale è magnifica!e molto eleborata…altri tempi, altra vita, in contrapposizione netta alla nostra, in tutti i sensi! Buona serata Max! e grazie per le tue belle visite!

    1. già, questi ambienti ci fanno apprezzare una vita molto diversa da quella attuale, e questi chiostri all’interno delle mura isolano ancora di più da quella che è la vita di tutti i giorni.
      Grazie come sempre per le tue belle letture, un caro abbraccio, buona serata…🤗😊😉

  2. Effettivamente, le tue parole fanno riflettere: quanti guasti alla psiche causati dai vari lockdwn? La socialità degli individui compromessa… ma non è che siamo, in un certo senso, drogati di socialità? Nel senso che la ricerchiamo, pure avendone perso il valore fondante della solidarietà?

    1. bella e vera questa tua riflessione, proprio così, stiamo diventando schiavi di quella socialità che troppo spesso è solo di facciata, chiusi come siamo nei nostri mondi interiori, dove alla fine ognuno è solo con i propri pensieri. Grazie del commento…👍👏

  3. Strepitose immagini e molto interessante la tua narrazione che ci fa entrare nell’atmosfera particolare della vita dei monaci. Non so perchè la solitudine al giorno d’oggi venga così demonizzata. In fondo nella solitudine c’è anche molta pace. Certo il distanziamento sociale imposto è una questione diversa. Per me alcuni momenti di solitudine li sento necessari per ritrovare la mia centratura e per creare. E’ sempre un piacere seguirti! 😊👏👏👏👏🥰🎇Buona Domenica! 🤗

    1. la vera creazione artistica a mio avviso avviene sempre nella solitudine, per cui questo voler socializzare a tutti i costi spesso allontana le potenzialità creative di ognuno di noi. Già nella storia molti filosofi, molti scienziati, hanno elaborato i loro migliori testi, proprio nei momenti di solitudine. 👍😉
      Grazie del commento, un caro abbraccio 🤗😉😊

  4. Max le tue narrazioni hanno sempre un preciso suono di passi e uno specifico aroma (di storia, della natura, di sale) che riesce a penetrare anche lo schermo del pc. Bellissima questa alternanza tra montagne, mare, storia.. decisamente viaggi emotivi ed emozionali. buona serata per quando leggerai 🙂

    1. questi viaggi emotivi servono proprio a far capire quanta bellezza c’è attorno a noi, nel nostro amato Paese, e anche a farci rilassare dopo le costanti brutte notizie che ogni giorno arrivano dal mondo esterno 😉👍
      Grazie di cuore per queste tue bellissime letture emotive, spero davvero che continuerai a leggermi sempre con questo interesse..🤗😊😉👍

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: