Castelvecchio di Rocca Barbena, 18° parte…

Prima di calarci in una dimensione davvero spettacolare, vi volevo far notare questa bella location in affitto, se per le prossime vacanze estive volete soggiornare da queste parti informatevi. Sono diverse le case in affitto, e ci sono anche degli agriturismi in zona molto interessanti…

Ed ora vi faccio ammirare un passaggio che a mio avviso è il più bello del borgo, lo spettacolo delle luci, la sua struttura e quella sensazione medioevale che trasmette non possono non incantare chi capita da queste parti. Cominciamo a scendere la ripidissima discesa passando, è il caso di dirlo, all’interno delle mura storiche…

Delle luci dalla tonalità caldissima illuminano questo passaggio, altrimenti completamente buio. Notate la disposizione degli attrezzi di un tempo, un vero museo nel quale ci lasciamo avvolgere, ascoltando la voce della storia che qua sembra parlare al posto nostro….

Immergersi in questa realtà d’altri tempi regala sensazioni uniche, provate ad immaginarvi proiettati in quell’epoca, vedreste le varie persone vestite con capi storici, vecchie scarpe logore, il sudore dei contadini, ma anche il profumo della vita genuina, l’aria ancora non contaminata dall’inquinamento di oggi. Un mondo che vediamo solo nei libri di storia, ma che qua per una magica illusione sembra di rivivere ancora oggi…

Mi volto verso l’alto, un raggio di luce penetra nel buio, gioca fra gli archi in pietra, costruisce emozioni scivolando fra quegli anfratti di memoria. La poesia mi avvolge, scrive per me pagine di bellezza, mentre avanzo con umiltà nel silenzio delle contrade…

Vecchie ceste, vecchie scale, ci ricordano come si lavorava un tempo, quando anche la sicurezza era un optional, e ci si affidava sull’attenzione delle singole persone. Le scale si appoggiavano ad alberi, muri in pietra, archi, magari c’era qualcuno sotto che le teneva ferme, ma tutto era precario. La vita era quella, all’epoca era normale vivere così….

Domani ci sarà l’ultima parte di questa narrazione, vedrete ancora il Castello da nuove prospettive, ed altri scorci di questo bellissimo borgo, poi da mercoledì sera vi porterò a scoprire, attraverso una breve narrazione, il borgo sottostante di cui vi ho parlato in questa narrazione, ovvero Zuccarello. Il viaggio continua, vi aspetto come sempre….😉👍

17 pensieri riguardo “Castelvecchio di Rocca Barbena, 18° parte…

  1. sembra incredibile che ancora si usino i vecchi attrezzi…d’altronde in questi luoghi la vita agricola e delle famiglie non cambia molto dal passato…le case, se non sono esse stesse dei musei, sono ancora uguali…davvero una vacanza lì la farei volentieri!!!
    grazie Maxi per queste tue scoperte che ci regali! buona serata.

    1. sono quei borghi di cui spesso non si parla, dove si celano realtà storiche davvero belle da scoprire, e attraverso il mio blog sono felice di farveli conoscere. Grazie come sempre dei tuoi commenti, buona serata..🤗

    1. grazie mille del tuo commento, cerco sempre di far viaggiare i miei lettori attraverso scenografie degne di nota, un caro abbraccio, ti leggo sempre volentieri…🤗😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: