Cervo, 12° parte…

“… Arrivo in prossimità del mare, quel giorno per via della pioggia di qualche ora prima le spiagge erano ancora vuote, c’era un vento teso e anche piacevole che faceva percepire meno la calura, mi lascio catturare da un attimo di puro relax…

Sono poggiato ad un muretto, accanto a me arriva una giovane turista, i suoi occhi hanno le tinte del mare, ha un profumo intenso, dolcissimo, con fragranze di vaniglia e gelsomino, più delle note fruttate. Il vento lo trasporta verso me. La osservo senza dire nulla, i suoi capelli mossi dal vento volano dietro alle sue spalle. Alza lo sguardo al cielo, chiude gli occhi e si lascia avvolgere dal fresco respiro del mare. Assaporo il silenzio di quell’attimo romantico, scrivendo versi di mute poesie…

La vedo sistemarsi i capelli prima di ripartire, un ultimo sguardo e poi si allontana come polline trasportato dal vento. Davanti a me il mare della costa ligure sferzato dal vento assorbiva tutti i colori del cielo. Erano così belli che sarei rimasto solo in quel punto per osservarli. Solo con i miei pensieri, con il sapore di quella gioia vestita d’estate, dove anche la vita sapeva regalarmi sogni lontani…

Col teleobiettivo volo su una parte della spiaggia, gli ombrelloni sono chiusi per il vento, c’è poca gente sulle spiagge, quel giorno preferivano camminare, visto il brutto tempo della mattina. Le verdissime montagne affacciate sul mare creavano contrasti straordinari, racchiuso in quel piccolo punto c’era tutto l’incanto della costa ligure…

Dalla strada a mare osservo lo svettare dei campanili del borgo, con le loro punte sembravano dipingere il cielo, il calore delle case e quell’azzurro intensissimo contribuivano a donare a quel paesaggio una sensazione d’incanto…

Passo accanto ad una via che avrei percorso sul sentiero di ritorno, la solitudine di quell’attimo e quella calda atmosfera accogliente la rendevano unica al mio sguardo. Ovunque osservavo trovavo bellezza…

Domani proseguiremo questo viaggio, vedrete la prospettiva della spiaggia, il borgo visto dal mare, poi riprenderemo a salire per vie nuove. Vi aspetto come sempre, grazie mille delle vostre visite e dei vostri commenti…”

22 pensieri riguardo “Cervo, 12° parte…

    1. in questi giorni col telefono sto giusto fotografando il fenomeno della caligo a Genova, così raro e in qualche modo affascinante. Pensavo di fare anche una breve narrazione in due parti dopo questa, ma prima chiederò cosa ne pensate voi lettori…😉 grazie del commento..

    1. vivere gli attimi permette di sentirli quasi reali, se leggete lentamente e cercate d’immergervi nelle immagini vi sembrerà di viverle come dal vivo…😉 o almeno questo è lo scopo principale di queste dettagliate descrizioni…
      Grazie del commento..

  1. 😍😍😍😍😍 ecco qui.. Che viaggio meraviglioso .. quando vedo il mare non capisco più niente.. e la tua dolcezza è stata una perfetta compagnia!☺😚

    1. grazie mille, sono molto felice che ti sia piaciuto sia il mare che la dolcezza della mia narrazione, era un connubio che ci stava alla grande. Un caro abbraccio, buona serata… 🤗

    1. dopo aver ammirato un po’ il mare accanto a me, ha ripreso a salire per le vie del borgo che avevo percorso in precedenza, poi l’ho persa per le vie dello stesso borgo, e nel pomeriggio non l’ho più incontrata..
      Grazie mille del commento, mi fa molto piacere che hai gradito queste belle immagini di mare..😊

  2. L’azzurro, il mare, i campanili, la spiaggia, gli occhi come il mare, la vaniglia e il gelsomino, i capelli mossi dal vento e le perfette immagini del luogo; un incantesimo Maxi. Adesso mi fai davvero incazzare però, se alla meraviglia della narrazione visiva aggiungi anche la poesia e il romanticismo io ho proprio finito. ( Grande davvero amico mio )

    1. ah ah ah, molto simpatico 😊 grazie mille per le bellissime parole del commento. Diciamo che la parte letteraria è stata la prima che mi ha fatto conoscere nei blog molti, molti anni fa. Poi negli ultimi anni ho aggiunto la fotografia. Ora cerco di portarle avanti entrambe attraverso questo tipo di narrazioni fotografiche, e leggo con gran piacere che la cosa è apprezzata.. 🙂

  3. stavo giusto pensando, dove ti giri ti giri ci sono meraviglie e poi leggo… cito: “Ovunque osservavo trovavo bellezza” e sorrido…
    Esattamente lo stesso pensiero ^_^

    1. spesso si hanno pensieri comuni, capita alle persone che in qualche modo sono sulla stessa lunghezza d’onda, e noi sensibili e scrittori, di punti in comune ne abbiamo…😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: