Un giorno di neve a Voltri, ultima parte…

Alcune barche per salvarle dalla mareggiata sono state portate al di la della passeggiata, con la neve sopra regalano un paesaggio insolito e artistico allo stesso tempo. Pensate che il giorno dopo già non c’era più niente, ho giusto fatto in tempo a scattare il servizio che avete letto durante questa narrazione….

La neve sul mare difficilmente dura più di 1 giorno, per questo quando capita bisogna coglierla al volo. Ora vi racconto un altro elemento meteorologico raro, che capitò in maniera pesante nel dicembre del 2009. Sto parlando della galaverna, o anche pioggia ghiacciata. Quando al suolo ci sono temperature prossime allo zero, ma in quota ci sono valori più elevati, succede che piove ma a contatto col terreno le gocce ghiacciano all’istante. Quel giorno tutta Voltri era sotto una coltre di ghiaccio, non si stava in piedi, era impossibile uscire, la passeggiata fu chiusa, era una pista di ghiaccio. Anche quell’evento è entrato nella storia della mia località…

Torniamo ad osservare la violentissima mareggiata di quel giorno, la salsedine era così fitta che c’era praticamente foschia, anche il paesaggio era offuscato da questa tempesta, il vento ti entrava ovunque….

Un uccello si sta alzando dal mare prima di essere travolto da un’onda, la fotografia permette di cogliere attimi, di fermare emozioni. Un tempo, quando ero bambino, amavo sostare sulle spiaggia e sui moli durante le mareggiate. Non mi sono mai messo in pericolo perché già sapevo fin dove potevo spingermi, e quando dovevo scappare, ma osservare le tempeste mi ha sempre affascinato, tanto che la prima materia alla quale mi sono affezionato nella mia vita fu proprio la meteorologia…

Mi è tornato alla memoria questo frammento della mia vita proprio osservando le persone sul molo che osservavano l’infrangersi delle onde. Un tempo non c’erano telefoni e simili, le emozioni le conservavamo nel cuore, ogni onda era un clic che si fermava nell’anima e nella mente. Era bello quel periodo, spesso lo rivivo attraverso i pensieri…

E parlando di bambini, ecco il collegamento al quale volevo arrivare, un bel pupazzetto di neve fatto da qualche bimbo poco prima che passassi io. Troppo simpatico, l’hanno seduto su una di quelle panchine speciali che avete visto nel corso della narrazione. Il bello di essere o tornare con la mente a quel periodo, è anche racchiuso in questi brevi ma simpatici frammenti di vita….

Per concludere torniamo al mondo degli adulti, ecco come appariva la passeggiata due giorni dopo, di neve ormai nessuna traccia, la mareggiata stava finendo, ma ecco i danni, una parte della passeggiata è inaccessibile e transennata, alcune tavole in legno sono saltate per la violenza della mareggiata che avete visto e dovranno risistemarle per l’ennesima volta…

Dopo questa giornata d’inverno, prima di un’infinità di narrazioni di ogni località e stagione, avete voglia di vedere una chiesa di Genova? Ne ho fotografate 4 per ora, ma non ve le farò vedere tutte assieme, giusto per spezzare un po’ il genere narrativo, che potrebbe risultare noioso per alcuni. Fatemi sapere nei commenti, buona serata e buona giornata a tutti, a domani! 😉

15 pensieri riguardo “Un giorno di neve a Voltri, ultima parte…

  1. La leggerezza portata dal ricordo che si insinua in quelle immagini di schiuma.. vento.. grigiore.. poi la “distruzione” alla fine.. sono piene di sensibilità.. è bello immaginare a chi guarda e scatta che pensa al suo passato e rivive momenti leggeri e sereni.. un bellissimo viaggio
    ps- per le foto delle chiese manco a chiederlo 😀 almeno per me.. posso dire di essere super curiosa :-p Un abbraccio!

    1. grazie mille come sempre per l’empatia che riesci a portare nei tuoi commenti, nelle tue parole. Sai una cosa curiosa, mi sembra di conoscerti da tempo, la sintonia delle emozioni spesso ci fa apparire diverso anche lo scorrere del tempo… 🙂

    1. è probabile, perché partirò con le più famose, ma vederle o rivederle in foto spesso fa un’altra impressione. Grazie del commento, buona serata… 🙂

  2. la predominanza della burrasca, di un tempo che non si risolve, della discordia con la natura…il grigio e quel bianco tra le pietre e nella schiuma. Una grande suggestione Maxi!
    per le foto che invierai non ci sono problemi…tu mostra la tua visione delle cose che noi porteremo le immagini negli occhi! buona giornata carissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: