Autunno al Colle del Melogno, 6° parte…

Un sottile velo di nebbia entra nel bosco ed inizia la magia, ero così contento che non mi accorgevo neppure di camminare nel fango, questo è uno di quei rari momenti in cui avere a portata di mano la reflex permette di immortalare attimi unici!

Percorrevo il bosco in ordine sparso, cercando i punti migliori dove trovare contrasti e percezioni di luce migliori…

Questo incanto straordinario è durato solo pochi minuti, ma in questi pochi minuti ho concentrato tutta la bellezza degli scatti che vedete in questi ultimi 3 post, compreso quello che state leggendo…

La magia di questo momento era indescrivibile, sembrava di essere in uno di quei libri di fiabe che ci hanno letto da bambini, dove elfi, fate, streghe, potevano spuntare da un momento all’altro per movimentare la scena…

Proseguivo per pozze fangose seguendo una strada al di fuori dell’itinerario principale, ormai ero rapito dalla magia dell’attimo. Mi sembrava di essere all’interno di una delle tante scene del “signore degli anelli”…

Immaginavo fra quelle nebbioline un cavaliere con tanto di spada che sbucava all’improvviso recitando un suo rito. Ero calato in un perfetto fantasy, la solitudine era con me, assieme ai miei sogni, e alle mie visioni pittoresche…

Domani proseguiremo questo viaggio epico, tra fantasy e magia, non mancate…” 😉

15 pensieri riguardo “Autunno al Colle del Melogno, 6° parte…

  1. Sì, direi che c’è parecchio fantasy in questi scatti… e te lo dice uno che lo apprezza parecchio! 😍

    1. Hai visto che anche in Italia abbiamo luoghi fantastici? Qua non abbiamo le aurore boreali, ma gli spettacoli della natura non mancano mai! 😉
      Saluti dall’Italia…

    1. E’ raro trovare una situazione simile, bisogna trovarsi nell’attimo giusto, spesso sono attimi che durano solo pochi minuti, trovarsi lì spesso è una questione di fortuna… 😉

  2. incantevoli i raggi sulla nebbia e la frammentazione che operano i tronchi….queste cose appaiono in orari particolari ed è il bosco a svolgere una particolare atmosfera…grazie Maxi!
    vicino a me ,in una radura rimasta tra le fabbriche, dove è cresciuto un boschetto..qualcuno sta tagliando i pochi alberi e i cespugli…non riesco quasi a guardare dal dolore che mi fa pensando ai tre fagiani e alle lepri che avevano preso ad abitare lì…..buona giornata a te, per me resta quest’unghia che mi graffia il collo!!!

    1. verso il tramonto tutto è più spettacolare per via dei raggi molti inclinati del sole, soprattutto in inverno. Mi spiace per la natura attorno a te, spesso rovinano ecosistemi naturali solo per interessi economici, o altro…..

  3. Ciao Max
    davvero una meravigliosa poesia di colori e di sensazioni, passeggiare qui tra questi alberi, unici a reggere questi raggi di spiritualità dell’infinito. Grazie!
    Un abbraccio
    Chiara

  4. che meraviglia… io potrei perdermi in quei boschi e scrivere decine di libri ispirata e appagata!
    Grazie Max, quella luce che penetra tra gli alberi la sua catturare con grande maestria, bravissimo e dir poco ❤

    1. grazie mille, sempre molto generosa con me 😉 in effetti quel luogo ispirava molte storie sia fantasy che di altri generi. Hai notato come spesso quando ci troviamo in un determinato posto la voglia di scrivere e fantasticare aumenta? Almeno a me capita questo… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: