Finiamo di esplorare il forte…

“… Rientro in alcune stanze per finire di esplorare il forte, con tutti i suoi misteri, i suoi dolori, quel passato che ancora ci urla verità dal profondo della sua storia. In questa stanza sono di fronte a quelle che un tempo erano delle scale verso i piani superiori, si vedono poi altri ambienti collegati, è come essere nel ventre di un palazzo dove tutto si è fermato…

 

All’inizio dell’esplorazione di questo forte vi avevo parlato delle insidie che si possono nascondere al suo interno nel caso decidiate di visitarlo, ecco quelle buche nel pavimento di cui vi parlavo, potrebbero essere state delle  vecchie latrine, o forse dei pozzi, non sono molto profondi, al loro interno c’è dell’acqua. Se avete bambini al seguito prestate attenzione, finirci dentro è un attimo se si è distratti….

 

Per chiudere la visita a questo forte vi mostro ancora uno spaccato di cortile, molto interessante per come si è mantenuto nel tempo, qua vediamo la sua fine , con le mura che ne delimitano il confine…..

 

Uscendo dal retro del forte rimango colpito da un’altra piccola casa diroccata affacciata su uno scorcio di vallata molto suggestivo, anche questa costruzione probabilmente era adibita a deposito, considerando il numero elevato di persone che poteva contenere la fortezza, era il minimo pensare di avere vasti magazzini attorno per provviste e armamenti di ogni tipo…

 

Poco distante ecco altri resti che ci fanno immaginare altre realtà di quel periodo storico, cerco inquadrature vaste in modo da rendere le prospettive il più reali possibili a come le stavo osservando in quel momento, dal punto nel quale mi trovavo…

 

Per completare la visita salgo su quello che poteva essere il tetto del primo forte, osservate la vastità delle mura e l’imponenza dello stesso osservata da un’altra prospettiva, un punto di vista originale che ci mostra anche un’altra particolarità, ovvero che lo stesso forte per chi risaliva il colle dal versante opposto non era subito visibile interamente, ma appariva per gradi, probabilmente anche questa era una scelta difensiva studiata appositamente per cogliere di sorpresa i nemici…

 

Domani l’ultima puntata di questa lunghissima escursione a piedi, poi da martedì cambieremo scenari e narrazioni, continuate a seguirmi….” 😉

 

Pubblicità

5 pensieri riguardo “Finiamo di esplorare il forte…

  1. quante pietre! tutto diventerà dimora per serpi e i sassi levigati dal vento..fra cent’anni si vedranno cumuli informi
    e spero che la natura abbia il sopravvento ..sempre! gran bel lavoro Maxi!!! buone giornate!

    1. già, nessuno può immaginare ciò che rimarrà di questi ruderi nel corso dei secoli, probabilmente la natura si riprenderà i suoi spazi, bisognerà vedere se le future generazioni manterranno intatti queste pagine di storia….

  2. molto suggestiva la grandezza di queso forte… direi che la visuale dall’alto (dal “tetto del primo forte”) rende veramente bene l’idea. È davvero stupefacente come riesci a trovare le angolazioni migliori. Grazie Max, bellissimo anche oggi ❤

    1. grazie mille, è sempre un piacere per me accogliere le tue parole. Riguardo le angolazioni migliori, quando si è appassionati di fotografia, tutto appare spontaneo e semplice, quasi naturale direi..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: