Esploriamo il forte, 1° parte…

“… Come il vento entro fra quelle mura intrise di storia, sono un fantasma vestito di silenzio pronto ad affacciarmi in un teatro di memoria….

 

Il cielo è grigio per via del vicino temporale, sono solo, il sibilo del vento accompagna il rintocco dei miei passi in quel santuario di storia, l’immensità è davanti a me, un teatro di malinconia sul fiorire dei ricordi….

 

In quella caserma un tempo dovevano esserci migliaia di soldati, pronti ad affrontare l’ignoto. Quelle finestre buie ancora oggi sembrano raccogliere il dolore del tempo, quelle ferite che ci ricordano quanto le scelte dell’uomo abbiano condizionato il nostro passato…

Interni ormai scarni ci riportano indietro nel tempo, un viaggio nel viaggio. I miei passi si fermano, gli occhi narrano la realtà di un vissuto mai vano….

 

Quella strada appare infinita, solo dentro alla fortezza si percepisce l’immensità degli spazi, la nudità di un percorso dove ogni passo è un rintocco di memoria fermo sugli scalini dell’uomo. La mia solitudine aiuta a leggere questo quaderno aperto, un rintocco di dolore nell’album della storia….

 

L’erba ha ripreso i suoi spazi in questi vani aperti, dove il vento gioca a nascondino col silenzio, dove ogni parola si perde nel muto incedere dei verbi, ricordando quegli uomini che un tempo vivevano nel dolore, mentre aspettavano la notte per ritrovare l’urgenza dei sogni…

 

Domani si prosegue, grazie delle vostre letture e dei vostri commenti…. “

9 pensieri riguardo “Esploriamo il forte, 1° parte…

  1. penso che la tua visita al super forte sia stata invasa dal silenzio e questo gioca molto in favore di emozioni. Il saper e delle vicende storiche e esserci dentro credo che c’impregni notevolmente… buona giornata Maxi!

    1. grazie del commento, la solitudine ha favorito molto questa visita al forte, se fossi stato circondato da un mare di persone tutto questo avrebbe avuto un impatto molto diverso sull’anima di quel luogo….

  2. Posso solo immaginare la potenza dei tuoi sentimenti ma mi viene da dire che forse quel tempo riferito alloggi sia passato invano e il dolore è le ferite non siano state cancellate.

    Shera

    1. purtroppo le ferite di qualunque guerra non si cancelleranno mai, il dolore e il ricordo rimarranno per sempre vivi nelle memorie della storia-
      Grazie del commento, buona giornata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: