La ripida discesa…

“… Col rombo del tuono alle spalle dovevo in qualche modo accelerare il più possibile, stavo quasi correndo per recuperare strada, un albero solitario segnava la fine del sentierino, da lì mi sarei buttato giù dalla montagna per scendere a valle e recuperare il sentiero a metà strada, rispetto al giro completo…

 

Dovevo raggiungere la strada bianca che vedete sullo sfondo, la pendenza era elevata, ma l’affrontai con coraggio, senza particolari problemi, l’obiettivo ormai era cosa certa…

 

Quando si affrontano discese simili conviene sempre scendere di traverso alternando il lato del corpo, in alcuni punti ero quasi sdraiato a terra e mi aggrappavo agli steli d’erba per frenare la discesa, gli elementi naturali che incontriamo ci vengono in aiuto…

 

Per un bel po’ non feci foto, non c’era tempo per prendere la macchina fotografica ogni volta, ero concentrato sulla discesa, la prima foto la feci già sulla strada bianca, ben lontano dal percorso fatto. Vedete quella montagna ripida con lo sfondo delle nubi temporalesche? Bene, quella è la discesa che ho fatto per giungere sulla strada dove ora mi trovavo…

 

Le luci e le ombre delle nubi che si rincorrevano nel cielo donavano al paesaggio un’atmosfera davvero particolare, quasi lunare. Cogliere questo aspetto era come vedere la stessa montagna sotto nuove vesti….

 

A mano a mano che mi allontanavo dalla montagna appena fatta, ecco che i tuoni echeggiavano sempre più potenti, qualche goccia di pioggia cominciava già a scendere, per fortuna poi il grosso del temporale è sfilato per alcuni km nella vallata adiacente, lasciandomi il tempo di completare l’enorme giro a piedi….

 

Col post di domani raggiungeremo un altro forte, si tratta di quello visto da lontano col teleobiettivo durante il percorso di salita, vi aspetto come sempre per farvelo scoprire attraverso le immagini….” 😉

Pubblicità

11 pensieri riguardo “La ripida discesa…

  1. Ciao Max
    quando ero bambina i miei zii mi dicevano di scendere -zizzagando- quando è troppo ripido il sentiero. Qui le emozioni si susseguono e seguono la tua discesa, la montagna è imprevedibile: parti col sole e poi corri per tornare senza bagnarti.
    Bellissimi panorami.
    Grazie per la tua graditissima presenza da me.
    Un abbraccio
    Chiara

    1. grazie a te del commento, è bello spesso perdersi anche nei ricordi, e sono felice in qualche modo di averteli fatti ritrovare attraverso questa narrazione.
      E’ sempre un piacere leggerti, buon wek end..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: