Matera, 4° parte…

 “… Matera offre infiniti punti dove osservarla, si passa da angoli deserti ad altri affollatissimi, la folla spesso segue un po’ il gregge come si suol dire, ci sono punti che magari sono straordinari, ma non vengono osservati solo perché li vedono deserti in quel momento. Ma per questo ci sono io….

Vi parlavo prima delle molte chiese di Matera, alcune sono ben visibili anche da lontano e sembrano dominare l’intero paesaggio, altre sono più nascoste, ad un primo sguardo non le si nota, ma una volta che ci troviamo dinanzi ad esse non possiamo non rimanere colpiti dalla loro bellezza artistica, come in questo caso.

Isoliamola dal contesto d’insieme e andiamo a scoprirla da vicino attraverso le immagini, il vero veicolo del turismo, il vero modo per far conoscere una località mettendone in evidenza i suoi lati più belli. La fotografia da questo punto di vista vale più di mille parole.

Certi particolari ad uno sguardo frettoloso sfuggono, soltanto imparando ad osservare i dettagli si riescono a scoprire capolavori che la storia ha consegnato a  noi, attraverso un lavoro straordinario, fatto da uomini che erano non solo artisti, ma veri creativi.

Osservate la ricchezza infinita e minuziosa di questa porta, maestosa e immensa nella sua magnificenza artistica, un vero capolavoro che vale la pena di ammirare accuratamente.

Scendiamo ancora di più nei particolari, osservate questo capolavoro e provate ad immaginare quanto lavoro è stato necessario per scolpire queste perfezioni. Davvero non ci sono parole!!

La prossima puntata andrà in rete domenica sera, entreremo in questa chiesa per ammirare alcuni particolari, poi proseguiremo il viaggio per scoprire altre singolari visioni di questa città dai mille volti. Buon wek end a tutti…” 

 

 

Pubblicità

10 pensieri riguardo “Matera, 4° parte…

  1. Ciao Max, iobloggo dà sempre problemi , ti commento in questo sito. Ho letto che numerose sono le chiese di Matera, segno di grande devozione da parte degli abitanti. Tutte le chiese del Sud sono un pò barocche, ricche di dettagli e lavorazioni minuziose. Se penso alle chiese moderne che sono cubi di cemento, inorridisco.
    Buon weekend Max.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: