Civita di Bagnoregio, 10° parte…

“… Entrare in questo piccolo museo sotterraneo è come fare un viaggio nel tempo, si assapora l’umiltà delle piccole cose, il valore della quotidianità fatta di fatica, umiltà. Tutto doveva essere conquistato, attraverso il duro lavoro di un tempo.

Da notare come questa grotta sia naturale, tutto è stato ricavato all’interno della stessa, plasmandola per le necessità dell’epoca. Anche in questo caso possiamo immaginare la fatica di lavorare la roccia, creando passaggi, scale, locali dove un tempo si custodiva il vino, e non solo.

Risaliamo da questa piccola apertura nella roccia e torniamo al piano superiore, prima di esplorare un nuovo ambiente, ricco di suspence….

Vi parlavo di suspence, ecco infatti una discesa verso un altro angolo sotterraneo, sembra di entrare negli inferi, e invece….

Alla fine di questa buia discesa ci troviamo in una piccola cantina con due botti che permettono di capire l’uso per il quale era stata creata.

Col post di domani dopo aver finito di esplorare il Museo torneremo per le vie di Civita, vi aspetto….” 

 

 

6 pensieri riguardo “Civita di Bagnoregio, 10° parte…

    1. grazie del commento, sicuramente questo metodo storico è stato poi adottato da moltissimi produttori di vino, dal passato abbiamo imparato moltissimo riguardo le tecniche enologiche, e non solo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: